Abbiamo bisogno di integratori alimentari?

Negli ultimi decenni è stato rilevato che dalle patologie, in particolare quelle associate a notevoli deficit nutrizionali, non si guarisce appropriatamente  se non in presenza di quei nutrienti di cui il paziente risulta deficitario. Come dimostrazione sono validi questi dati estratti da uno studio relativamente recente nella regione della Catalogna riguardo ad alcune importantissime carenze che presenta la sua popolazione, tanto in vitamine quanto in minerali.

In detta tabella vengono esposte le principali vitamine e minerali della cui carenza la popolazione presenta “alto rischio” ( quando viene assorbito meno di 1/3 della DGR) (DGR=Dose Giornaliera Raccomandata) o “rischio moderato” (quando viene assorbito meno di 2/3 della DGR) di soffrire una carenza nutrizionale:

Tabella: Percentuali della popolazione deficitaria in vitamine e minerali della Catalogna,  Sudio del Dipartimento della Sanità , Governo della Generalitat della Catalogna, da due lavori che studiano l’Evoluzione Nutrizionale della popolazione (ENCAT): uno del 1992-1993 e l’altro del 2002-03)

Studio consultabile in Internet ® web: www.gencat.net/sanitat

  DGR= Dose 

giornaliera

raccomandata

 

   1 9 9 2  –  1 9 9 3       2 0 0 2  –  2 0 0 3
ALTO RISCHIO( al di sotto di solo 1/3 della DGR) RISCHIO MODERATO (al di sotto di 2/3 della DGR) ALTO RISCHIO

( al di sotto di solo

1/3 della DGR)

RISCHIO MODERATO

( al di sotto di 2/3 della DGR)

 Energia 1,0 29,6 0,6 30,3
 Proteina 0,0 0,6 0,2 0,7
 Calcio (Ca) 1,4 24,2 1,3 17,4
 Ferro(Fe) 0,9 18,5 1,5 26,7
 Zinco (Zn) 5,9  66,5  6,3 67,7
 Magnesio (Mg)  0,5  22,0  0,3  21,2
 Tiamina (B1) 0,1 4,8 0,3 5,3
 Riboflavina (B2) 0,1 9,5 0,2 10,6
 Niacina (B3) 0,2 4,5 0,8 8,2
 Piridoxina (B6) 0,5 10,7 0,5 9,8
 Acido folico (B9) 0,5 9,8 0,6 10,0
 Cobalamina (B12) 0,2 2,6 0,8 3,7
 Vitamina C 3,7  13,2  4,6  16,9
 Vitamina A 10,3  39,3  52,0  55,9
 Vitamina D 58,9  75,8  52,0  70,8
 Vitamina E  6,0  41,4  5,5  39,7

 

La tabella precedente è un campione degli importanti deficit nutrizionali (evidenziati in grassetto quelli di cui la popolazione è più deficitaria) di una buona parte della popolazione di un area presumibilmente sviluppata e avanzata del bacino mediterraneo così come è la regione della Catalogna. Possiamo evidenziare valori come quelli delle vitamine A, C, E, e D che rappresentano alto rischio di carenza o sotto carenza per un’elevata percentuale della popolazione. Ricordiamo che le vitamine A, C e E sono responsabili della protezione dallo stress ossidativo, mentre che la vitamina D ha un ruolo essenziale nell’immunità e nella sintesi ossea. Sono anche notevoli i ridotti valori di alcuni minerali come lo Zinco (che migliora l’attività riproduttiva) o il Magnesio (grande rilassante neuro muscolare), il Ferro (responsabile delle anemie) o il Calcio (protagonista della nostra integrità ossea ,minerali che, inoltre, sono coinvolti in centinaia di processi e reazioni chimiche.

Finalmente ci rendiamo conto che le nostre carenze in questi 10 anni che separano lo studio compiuto nel 1993 da quello compiuto nel 2003 lungi dal migliorare, peggiorano per molti nutrienti essenziali (vitamine C, A, complesso B e minerali come Zn e Fe).

Mancano molti studi che approfondiscano, ancor più se possibile, le carenze individuate nella popolazione, che indaghino sui fattori responsabili del loro assorbimento (allergie e intolleranze alimentari, flora intestinale, stress, biodisponibilità di alimenti industrializzati, inibitori come tabacco, alcol o caffè e altre sostanze tossiche, ecc.), o la coltivazione dei terreni agricoli (fertilizzanti, pesticidi, …), etc. Per questo non è sorprendente che nei ultimi decenni venga imposto nei paesi più avanzati il concetto restauratore di Supplementazione Nutrizionale, Terapia Nutrizionale o Nutrizione Ortomolecolare.

Queste nozioni ci invitano a realizzare una moderna applicazione terapeutica di vitamine, minerali, oligoelementi, aminoacidi, enzimi, acidi grassi essenziali, principi attivi di piante (fitonutrienti) e di altre risorse che la natura ci possa fornire. Il concetto di Terapia Ortomolecolare o Nutrizionale è onnicomprensivo e comprende molte aree della terapia fisica, principalmente attraverso l’assunzione orale di nutrienti anche se non esclude assolutamente la via parenterale o altre vie che, nei casi come in quello dell’assorbimento della vitamina B12, è cruciale per la guarigione di anemie, immunodepressioni, sclerosi multipla o asma.

Se non lo hai ancora fatto, registrati nella nostra newsletter per ricevere informazione esclusiva riguardo alla Nutrizione Ortomolecolare.

Per tutto quanto esposto possiamo dire che nel mondo attuale, con le attività svolte e l’ambiente in cui si vive, dobbiamo approcciare una nuova fase che richiederà ai nutrizionisti e terapeuti di criterio naturista una formazione ancora più completa nei vari campi di questa moderna Terapia Ortomolecolare insieme alle discipline come la Dietetica, la Fitoterapia, l’Oligoterapia e la Enzimoterapia, tra le altre.

 

Professore Enric Ser (Barcellona, Spagna)

Esperto in Terapia Ortomolecolare, Discipline Terapeutiche di Criterio Naturista, Biorisonanza e Tecniche Manuali. Professore di Naturopatia. http://enric-ser.blogspot.com.es/

Per rimanere sempre aggiornato sui nostri articoli e su molto altro iscriviti alla nostra newsletter.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *


*